martedì 30 agosto 2016

Bavaglino, asciugamano e sacchettino con ballerina ed insetti del prato: il set asilo ricamato di Vittoria


Un anno fa vi ho fatto vedere il doppio set realizzato per Tommaso; a distanza di quasi 1 anno ecco invece quello appena preparato per la sua sorellina: Vittoria!
Dato che è composto da 4 gruppi coordinati, ve li mostro così come li ho spediti, in 2 tranches diverse: due tris bavaglino + asciugamano + sacchettino e 2 bustine portabavaglino.
 
 
Per gli sbiechi sono stati scelti i pois e per il primo tris il tema è stato quello degli insetti del prato (molto gettonato quest'anno!), qundi coccinella sul bavaglino, ape sull'asciugamano...
 

...e farfalla sul sacchettino ambientato con sole splendente e tanti tulipani nel prato:


Siccome me la sono presa comoda perché il set mi è stato ordinato con largo anticipo (brava mamma!!), mi sono fatta perdonare decorando anche il retro del sacchettino con altri tulipani colorati e la linea prato/cielo: 


A completare questa fioritura ecco un Mokacharm margheritoso:


Il secondo gruppo doveva essere anch'esso composto da 3 pezzi, tutti con sbieco rosa a pois e la ballerina come protagonista...solo che per un equivoco nello scambio di mail me ne sono completamente scordato uno!! Niente di grave però, perché sapevo già che un mesetto dopo avrei spedito il secondo pacco e quindi lo vedrete nel prossimo post con gli altri 2 tris!
 
 
Dovevo poi realizzare 2 portabavaglini che non fossero collegati ai 2 temi precedenti, così ho optato per un gufo e per la coppia di uccellini teneri teneri:
 
 
Fra un paio di giorni vi mostrerò il seguito, quindi tornate a trovarmi presto!
 

domenica 28 agosto 2016

Il set asilo per Riccardo: con il contrassegno della pera


Questo è stato l'anno dei contrassegni, infatti mi è stato chiesto più del solito di realizzare set asilo con un unico soggetto, come nel caso di Riccardo, per il quale mi erano state chieste inizialmente solo le etichette, ma poi anche 2 sacchettini ambientati.

 
Il contrassegno era la pera, ma non avendo un ricamo già pronto che mi soddisfacesse ho deciso di digitalizzarne uno io. Ho ricamato 15 etichette da applicare su bavaglini, asciugamani, grembiulino, lenzuola, insomma dappertutto: alcune con il solo contrassegno in 2 misure diverse, altre son anche il nome del bimbo. Ne retro ho anche applicato dell'adesivo apposta che permette di applicarle col semplice utilizzo del ferro da stiro (anche se io consiglio sempre di aggiungerci un puntino con ago e filo almeno negli angoli).


Anche i sacchettini dovevano avere la pera come protagonista...vi sembra facile?! Non mi piaceva l'idea della "natura morta" assieme ad altra frutta perché avrebbe perso il ruolo di rilievo, né volevo presentarla come cibo da mangiare, visto che rappresenta Riccardo, così alla fine ho scelto uno sfondo naturalistico e l'ho messa su un albero insieme ad altre pere più piccoline e dietro una fattoria nel primo sacchetto...
 
 
...sostituita da un trattore nel secondo:
 
 
I Mokacharm erano ovviamente 2 pere con il nome ricamato e mi è piaciuto molto il poterci aggiungere la fogliolina in 3d e sfruttare il nastrino marrone per appenderli come picciolo!!


mercoledì 24 agosto 2016

Il secondo set personalizzato per Sofia: con il contrassegno del pony blu

 
Mentre qui nella mia craftmansarda il delirio incombe fra i vari corredini per l'asilo da consegnare entro i primi di settembre e si cuce giorno e notte come i folletti, voglio farvi vedere uno dei set arrivati a destinazione da pochi giorni: quello di Sofia.
Questa bimba utilizza i miei bavaglini ed asciugamani già dal nido, ma adesso che sta per cominciare la scuola dell'infanzia c'era bisogno di un nuovo personalizzatissimo set, perché le è stato assegnato un contrassegno, quello del pony blu!
 
 
Il tipo di disegno non si prestava a grosse variazioni, soprattutto perché il pony doveva essere proprio di quel colore, così,  approfittando del ricamo in appliqué, abbiamo deciso di giocare con le diverse fantasie delle stoffe per creare le 3 coppie bavaglino/asciugamano.
Per la prima coppia ho usato il tinta unita...
 

...per la seconda il quadrettato...


...e per la terza i pois:

 
Ed ecco i 3 pony blu sfilare tutti insieme qui sotto, simili, ma ognuno con la sua personalità!
 

La richiesta era poi quella di creare un'ambientazione per il sacchettino e non è stato semplicissimo perché non volevo sottolineare l'aspetto dell'animale da fattoria, bensì quello della libertà e dello spirito d'avventura, così l'ho lasciato libero di galoppare nel verde e con un grande arcobaleno coloratissimo alle spalle. Che ne dite, vi piace?
 

Il mokacharm che ho aggiunto era un cuoricino patchwork con il nome ricamato con il free motion embroidery.


Cara Sofia, ti auguro di seguire i tuoi sogni come questo pony e di portare questo cuoricino che racchiude tutto l'amore della mamma che ha voluto accompagnarti in questa nuova avventura con questo nuovo set pensato proprio ed unicamente per te!
 

domenica 21 agosto 2016

Sacchettino e bustine portatovagliolo o portabavaglino ricamate per asilo: il set per Giorgio

 
In un periodo di corse frenetiche per finire in tempo tutti i set per settembre voglio farvene vedere uno realizzato esattamente 2 anni fa per il piccolo Giorgio, che non voleva assolutamente rinunciare ai suoi 2 animali preferiti: la foca ed il cane!
 
 
Non ricordo se le bustine mi siano state chieste come portabavaglino o portatovagliolo o ancora come portaposate, comunque poco importa, perché sono utilizzabili per tutti e 3 gli scopi!
Sulla prima ho ricamato la foca...


...sulla seconda invece il cane:


L'abbinamento dei colori mi è stato chiesto proprio così: verde a pois bianchi ed azzurro in tinta unita, mentre l'interno era foderato come sempre in bianco. La chiusura più semplice per i bambini è quella con il velcro ed un'accortezza che adotto sempre è quella di fissare la parte con gli uncini di plastica all'esterno, in modo da evitare che si tirino i fili della spugna quando si striscia il bavaglino sulla metà invece morbida per riporlo nella bustina.
 

Il sacchettino è stato la parte più ostica, perché non sapevo come far convivere un cane ed una foca nello stesso disegno, ma la soluzione è stata più semplice del previsto: mi è stato chiesto semplicemente di accostarli!

 
Come Mokacharm ho scelto questa stellina patchwork con il nome ricamato con un punto base della macchina:


venerdì 19 agosto 2016

Tutorial semplice e veloce: come recuperare i pantaloni troppo corti dei nostri bimbi!


Sono la mamma di due gemelle: questo significa acquistare sempre in doppio e non poter più riutilizzare gli indumenti delle bimbe una volta che sono cresciute...almeno in teoria!
Nella pratica mi ingegno per cercare di sfruttarli il più possibile e questo accade spesso con i pantaloni: diciamo pure che i jeans con me non hanno scampo!!
Un paio di settimane fa ci stavamo preparando per una gita in montagna, quando mi sono accorta che i pantaloni corti che avrei voluto mettere alle bimbe erano maccchiati, così ho recuperato dall'armadio dei jeans lunghi che andavano ancora bene in vita ma non in lunghezza e...vi spiego passo passo quello che ho fatto:
 

- Per prima cosa le bimbe hanno indossato i jeans ed io con la forbice ho fatto un taglietto laterale per segnare la lunghezza desiderata (non scordate di aggiungere circa 3 cm per il risvolto, a meno che non vogliate lasciare il taglio a vivo, che consiglio nel caso i pantaloni fossero talmente attillati da diventare troppo stretti una volta fatti i risvolti):
 
 
-  Ho fatto poi togliere i pantaloni e dopo averli piegati a metà, in modo da sovrapporre le due gambe, ho tagliato a partire dal segno che avevo accennato.
- Le bimbe hanno poi reindossato i jeans ed ho visto che dovevo raddrizzare la linea di taglio accorciandoli un po' di più solo nell'interno gamba (lo si nota anche nella foto qui sopra). Considerate che ho fatto tutto ad occhio e senza seguire regole particolari: non avevo niente da perdere e così ho tranquillamente IMPROVVISATO, in modo del tutto empirico!
- Una volta "messo in bolla" il taglio, ho fatto un doppio risvolto e l'ho stirato: questo mi ha permesso di mantenere fermo il tessuto senza dover utilizzare gli spilli.
 
 
- Ed ecco finalmente la parte più divertente: cucire tutto l'orlo con un punto dritto:
 
 
L'operazione è stata facilitata dalla possibilità di estrarre parte della base della macchina da cucire in modo da avere il braccio libero e poterci infilare il jeans per cucire in tutta comodità e senza errori!
Da notare che ho utilizzato un filo verdino che riprendeva il colore dell'interno tasche e della cernierina: anche per le creazioni estemporanee non dimentico mai l'aspetto estetico né le cose coordinate!
 
 
- Et voilà! Un bel paio (a dire la verità ne ho fatti 2, uno per gemella) di jeans corti nuovi di zecca e subito indossati!!
 

Se vi state chiedendo quanto tempo ci voglia per compiere questi passaggi, rispondo che per fare 2 jeans ci ho messo meno di mezz'ora, comprese le prove con le bimbe: da provare!!
 

mercoledì 17 agosto 2016

Il set personalizzato per Lorenzo con il contrassegno ricamato del granchio

 
Buon mercoledì a tutti! Mancano 2 settimane alla ripresa dell'asilo e poco meno di un mesetto a quella della scuola primaria...sono l'unica a non sapere ancora nemmeno se le bimbe avranno l'obbligo di indossare il grembiule oppure no? Da noi non è dato sapere questo, né la lista del materiale (tipo di rigatura dei quaderni, penne, colori, colle, ecc...) da acquistare: verrà detto tutto il primo giorno di scuola (ogni maestra indicherà a quanto si vocifera anche le marche precise per la propria sezione, perciò al momento ho le mani legate), quindi e noi mamme saremo costrette a passare il primo pomeriggio (chi può farlo) a svuotarci il portafoglio nella cartoleria più comoda ma costosa, alla faccia di tutte le mega offerte che da settimane ci vediamo passare sotto al naso...ma vabbè, fortunatamente questi sono problemi minori: quello che realmente mi dispiace è il non potermi assaporare assieme alle bimbe l'attesa e la preparazione al primo giorno di scuola primaria, acquistando un po' per volta quaderni, penne, astuccio...ma la cartella sì, quella l'abbiamo già trovata e ne andiamo anche molto fiere!!
 
Tornando a noi, contrariamente al mio caso ci sono invece delle mamme fortunate che addirittura ad inizio estate conoscono già quale contrassegno accompagnerà i loro bimbi da settembre ed hanno quindi tutto il tempo di organizzarsi per preparare un set davvero unico e superpersonalizzato per loro!
E' questo il caso di Lorenzo, un bambino al quale è stato assegnato il granchio: la sua mamma mi ha chiesto 2 set con questo protagonista ed anche se le ho proposto diversi ricami fra cui scegliere, lei ha preferito mantenere lo stile di quello che ho già ricamato e postato in passato nel blog...come darle torto? E' così carino!
 

Il set era composto da 2 tris, asciugamano + bavaglino + sacchettino: bordino arancione a pois per il primo...


...e verdino a pois per il secondo:



La parte più fantasiosa di me però si è messa in moto per i 2 sacchettini ambientati: trovare 2 sfondi diversi per un granchio non è stato immediato, ma alla fine ci sono riuscita! Fondale marino per il primo, con alghe e coralli e le bollicine che risalgono in superficie:
 

Nel secondo invece l'ho posizionato all'asciutto sul bagnasciuga della spiaggia, da cui può osservare in lontananza un'isoletta con la palma ed un delfino che guizza fra le onde:


Ed ecco qui i 2 Mokacharm dei sacchettini: per il primo un granchietto identico a quello ricamato e poi un bel sole con i raggi che completa l'ambientazione del secondo:


Probabilmente sarà difficile intuirlo, ma a volte impiego più tempo nell'ideazione e nella produzione del Mokacharm (particolare originale che caratterizza e distingue da sempre tutti i miei sacchettini) che nella realizzazione del sacchettino vero e proprio, ma non posso farne a meno: per me è ormai un biglietto da visita dei miei set, oltre che espressione della mia parte più creativa, infatti cerco sempre di cambiare e di aggiungere sempre un tocco diverso, a meno che proprio non mi venga esplicitamente chiesta la riproduzione di uno già visto fra i vari post...ma anche lì mi riservo di lasciar esprimere il mio estro del momento ed è praticamente impossibile avere una copia esatta del Mokacharm di un altro bimbo: per me questo non è un difetto, ma un valore aggiunto...l'unicità che sicuramente cercate quando decidete di contattare proprio me!
 

venerdì 12 agosto 2016

In cucina con le gemelle: ghiaccioli di yogurt velocissimi!


Estate, tempo di caldo e di voglia di gelato...ma anche di cose salutari e gustose...
Le mie bimbe amano la frutta e lo yogurt e quindi non ho bisogno di convincerle perché ne assumano regolarmente, ma in agosto, avendo più tempo (e più caldo!) del solito, mi piace proporre loro delle merende almeno in apparenza alternative.
Unendo l'utile al dilettevole -e specifico che non ho inventato niente di nuovo- faccio dei gran frullati e con gli stampini appositi li trasformo in ghiaccioli da offrire a merenda o come dessert: va bene che ho detto che le gemelle amano la frutta, ma volete mettere quanto più speciale è sotto forma di ghiacciolo?!? Inutile rispondere: tutto un altro sapore!!
 
Non sempre però ho voglia di mettere in moto gli attrezzi della cucina per 6 piccole porzioni, allora dirotto sul ghiacciolo di yogurt, per il quale devo sporcare solo 1 cucchiaino...oppure 2 e mezza tovaglia se -come in questo caso- lascio che le piccole cuoche li preparino da sé!!
 
Non esiste ricetta, nel senso che basta avere degli stampi come quelli che vedete qui sotto e dello yogurt. Noi con 1 vasetto facciamo 2 ghiaccioli, quindi ne usiamo 3 x tutti questi stampi:
 
 
Ispirata come spesso avviene dal metodo montessoriano, lascio che trovino da sole il modo di organizzarsi e cerco di non intervenire nemmeno quando vedo che metà yogurt esce dallo stampo: avranno magari un ghiacciolino un po' meno ricco, ma sicuramente molto più buono per il gusto di aver fatto tutto da sole!

 
 
Gli assaggi fra una cucchiaiata e l'altra sono inevitabili, ma quando l'ingrediente è salutare, nessuno ha da ridire, anzi!!!

 
Lasciate libere di fare, pur con un incarico così semplice e lineare, emergono le caratteristiche di ognuna: la metodica procede cucchiaino dopo cucchiaino, l'altra più frettolosa tenta la via del travaso diretto...mentre lavorano per raggiungere lo scopo affinano le competenze motorie, la concentrazione, la capacità di collaborare e mille altre cose, ma imparano anche che non esiste un sistema giusto o sbagliato (almeno in questo caso), ma anzi possono trovare quello più adatto a loro o alle loro idee.
 

Se si sentono responsabilizzati i bambini mettono spontaneamente tutto l'impegno che possono e vedrete quanto tempo impiegheranno per fare bene!! La suggerisco infatti anche come attività vera e propria da fare con i bambini, indipendentemente dallo scopo finale!
Personalmente insegno loro a risistemare, mettendo a lavare le cose nel lavandino, gettando gli scarti in pattumiera (sono espertissime di raccolta differenziata) e togliendo briciole o pastrocchi ovviamente per quanto possono: iniziare e concludere interamente un'attività da sole non solo è educativo, ma le fa sentire capaci "come un grande".


Qualche ora di freezer e la merenda è pronta da gustare, e si può anche fare il bis!!


Consiglio di provare questa "ricetta" non solo per aggiungere un tocco di novità alle merende estive, ma anche come sistema per invogliare i bimbi più restii ad apprezzare lo yogurt o il frullato di frutta.
 

mercoledì 10 agosto 2016

Un altro set "ambientato" con farfalla, ape e coccinella che volano nel prato fiorito: Ludovica

 
Qui in craftmansarda si lavora a ritmo frenetico per settembre e fra i vari set che ho appena consegnato c'è quello realizzato per Ludovica: 3 bavaglini, 1 asciugamano ed il sacchettino coordinato, tutti a tema "pratoso"!
 

Il colore dominante doveva essere il lilla, che quindi l'ha fatta da padrone su tutti gli sbiechi a pois, poi c'era la richiesta della farfalla e del prato, come in questo set di qualche anno fa che spesso mi viene richiesto, per cui ho fatto la coppia bavaglino con lunetta salvagola ("original Moka Crea!)...

 
...ed asciugamano rettangolare "ambientato", cioè con un po' di paesaggio intorno:
 
 
 
Avendo fatto però vedere alla mamma di Ludovica anche il set del post precedente, ho ricevuto la richiesta di cambiare soggetto per gli altri 2 bavaglini e restando sempre in tema "abitanti del prato" ho ricamato la coccinella...
 
 
 ...e l'ape:
 

Tutti questi simpatici insettini hanno poi rifatto capolino nel sacchettino, chi come ricamo... 
 
 
...e chi come Mokacharm!
 

Il set è piaciuto moltissimo ed anch'io l'ho amato particolarmente, non solo perché quelli "ambientati" mi mettono più alla prova sotto l'aspetto creativo, ma anche per la vivacità dei colori ed il contrasto degli abbinamenti: qualche volta è bello uscire dalla "zona di confort" e rischiare ad es. un lilla/verde come nel sacchettino o un fuxia/giallo come vi farò vedere...presto!
 

giovedì 4 agosto 2016

Il set asilo "ambientato" per Anna: prati, fiori, insettini volanti ed un sole splendente!


Questo è stato il primo set che ho ideato per la piccola Anna (il secondo lo trovate già postato qui) ed era tutto a tema "abitanti del prato".
C'era bisogno di 3 bavaglini, 2 asciugamani, 1 sacchetto, 1 bustina portabavaglino ed una copertina e naturalmente tutti i ricami e disegni erano coordinati fra loro!

 
Come fantasia per gli sbiechi la mamma di Anna ha scelto i pois e per le spugne 3 insettini diversi: una coppia bavaglino/asciugamano con bordo fuxia e la farfalla (per i bavaglini ha voluto la mia speciale lunetta salvagola, con gli stessi colori dello sbieco, ma in negativo)...

 
 
...una coppia con bordo giallo e la coccinella...

 
(come vedete mi ha chiesto di scrivere nome e cognome ad angolo, richiesta che è stata accontentata anche se preparare il file con il disegno in diagonale per il telaio rettangolare è molto laborioso, almeno per me!!!!)
 

...e poi un terzo bavaglino con sbieco rosso e l'ape:


Il sacchettino era "ambientato" (cioè con diverse stoffe ho creato lo sfondo per i personaggi: il prato con i fiori ed il cielo con il sole) e richiamava tutti e 3 gli insetti del set: 2 ricamato ed il terzo...


...eccolo qui come Mokacharm!


Anche per la copertina di pile ho ricreato lo sfondo in cui ambientare i 3 insetti: la farfalla volando ha composto il nome della bimba (ingrandendo la foto si dovrebbe vedere meglio).


I set fatti a mano si riconoscono da lontano e -se fatti bene- sono delle chicche, ma secondo me questi, che io definisco "ambientati", hanno una marcia in più e mi piace molto realizzarli perché sono davvero unici, pensati appositamente per il destinatario in base alle sue richieste/gusti ed in effetti, anche se in uno stile da bambino (necessariamente!), li considero come dei piccoli quadri di stoffa e ne vado molto orgogliosa!