IMPORTANTE!!

Spesso ricevo richieste di informazioni sulle mie creazioni attraverso i commenti, ma non mi lasciate un recapito a cui poter rispondere ed io non so come fare! Per raggiungermi ed avere la certezza di ricevere una mia rapidissima risposta, utilizzate il modulo contatti che si apre cliccando sull'icona del topolino Diddl con la corona in testa e la penna in mano: la trovate qui a sinistra nella sidebar! Grazie, vi aspetto!!



sabato 23 gennaio 2016

Come salvare e rendere riutilizzabile una felpa rovinata dal colore

 
Le mie figlie frequentano la scuola dell'infanzia.
 
Hanno delle maestre splendide, si divertono, stanno in compagnia e fanno/imparano un sacco di cose, ma c'è un però...queste stesse maestre, che al primo anno mi hanno fatto portare un grembiulino per la pittura per ciascuna, a quanto pare hanno una certa repulsione verso l'utilizzo dello stesso, infatti spesso e volentieri le bimbe arrivano a casa con le felpe di un altro colore.
 
Di solito con un po' di candeggina delicata prima del giro in lavatrice me la cavo...ma non stavolta: per Natale fra le altri cose hanno preparato un bellissimo vassoio rosso con la loro fotografia al centro e per dipingerlo hanno utilizzato non so quali nuovi colori (probabilmente gli acrilici), come al solito senza proteggersi con il grembiule.
Risultato: felpa (praticamente nuova), maglietta e pantaloni macchiati irrimediabilmente (ho provato con la candeggina ed anche con l'acetone, ma non sono minimamente riuscita ad intaccarlo).
 
Da insegnante di nido e materna sono la prima a dire (non so quante volte alle varie riunioni con i genitori!) che i bambini a scuola hanno il diritto di macchiarsi, e le mamme quello di rimandarli a scuola con gli stessi abiti, che si sa che sono lavati, puliti, stirati e profumati anche se hanno la macchia, però da mamma mi vergognavo a far indossare una felpa così conciata...
 
 
Ovviamente dovevo fare qualcosa e pensa che ti ripensa in 10 minuti ho trovato e realizzato una soluzione rapida, economica e per me sufficientemente efficace: dato che il tema dei disegni della tutina era la città di Parigi, ed i toni quelli del rosa e nero, ho scelto un cotone dello stesso identico rosa (fortunella!!), ho pensato ad una frase in francese breve e che avesse un senso con il resto e dopo aver impostato la macchina per la cucitura a mano libera (ho abbassato le griffe per escludere il trasporto e messo il piedino trasparente da ricamo) l'ho ricamata con il filo nero una prima volta, poi una seconda con quello grigio (per occupare spazio, altrimenti non si sarebbe coperto molto!). Per finire ho tagliato la stoffa in eccesso seguendo alla larga i bordi della scritta et voilà, il gioco era fatto!

 
Ecco il dettaglio del prima e del dopo: non sono riuscita a coprire proprio tutto, ma per andarci a scuola può bastare!

 
Spero di avervi dato un'idea utile, semplice e veloce da realizzare anche a mano (per chi non avesse la macchina da cucire) per recuperare non solo le felpe, ma anche tutti gli altri capi di vestiario dei vostri bimbi che si sono rovinati con i colori o anche con macchie di cibo. Volendo non è detto che la stessa tecnica non riesca bene anche sull'abbigliamento per adulti!!

Nessun commento:

Posta un commento