IMPORTANTE!!

Spesso ricevo richieste di informazioni sulle mie creazioni attraverso i commenti, ma non mi lasciate un recapito a cui poter rispondere ed io non so come fare! Per raggiungermi ed avere la certezza di ricevere una mia rapidissima risposta, utilizzate il modulo contatti che si apre cliccando sull'icona del topolino Diddl con la corona in testa e la penna in mano: la trovate qui a sinistra nella sidebar! Grazie, vi aspetto!!



venerdì 8 luglio 2016

La seconda metà del set per Mia: sacco a pelo per la nanna apribile con cuscini di ricambio e lavette doudou

 
Come vi ho anticipato nel precedente post, ecco la seconda metà del set molto originale che ho cucito per la piccola Mia cioè il corredino per la nanna.
 
E' stata la prima volta che ho ricevuto un tipo di richiesta così e confesso che ho dovuto pensarci un po' prima di accettare l'incarico, ma poi ho pensato: "se questa mamma è disposta a credere in me così tanto da correre il rischio, perché non dovresti avere tu la stessa fiducia nelle tue potenzialità?"...ed è così che è nato questo sacco a pelo da nido, assolutamente in linea con la mia voglia di praticità e completamente cucito intorno alle caratteristiche di Mia!
Da chiuso si presentava così: dimensione poco più larga rispetto a quella di un lettino con le sbarre (che è la stessa di quelli da asilo), colore nero a pois grandi (perché era meno incombente di quello a pois piccoli) per l'esterno, verdino fluo per l'interno ed il draghetto, rosa fluo per i "cuscini" ed l'applicazione del nome. Se aguzzate la vista noterete anche una leggera trapuntatura a forma di stelle sia sui cuscini che sul sacco:
 
 
Primo elemento su cui ho lavorato i "cuscini-non cuscini": come molti bimbi piccoli Mia non usava il cuscino e quindi non potevo semplicemente cucire delle fodere da cambiare, ma ho dovuto realizzare questi teli a 3 strati (2 di cotone esterno e l'interno di spugna di cotone, la stessa degli asciugamani-bavaglini, che dava consistenza ma anche freschezza ed assorbenza) fissati con del velcro alla base del sacco. Ho voluto complicarmi la vita per dare retta al mio senso pratico che mi ricordava che lavare un cuscino (parte che si sporca inevitabilmente di più) è meglio che lavare ogni volta il sacco a pelo e quindi non potevo non mettere qualcosa di intercambiabile su cui far appoggiare il viso al posto del fondo del sacco! Ciò non toglie che tutto quanto fosse tranquillamente lavabile in lavatrice come tutte le mie creazioni per l'asilo e per i bimbi! Per tenere insieme i 3 strati anche al centro, oltre che nei bordi, ho trapuntato delle stelle di diverse misure.
 
 
Questo è il dettaglio del ricamo all'esterno del sacco a pelo e del telo-cuscino:
 
 
Una volta staccato il cuscino emergeva il verde fluo dell'interno, che a mio parere faceva davvero un bel contrasto!


Finito qui? Eh no, magari! Qui svelo un altro scoglio che ho dovuto affrontare: mettere la cerniera!! e parlo di quella a metro!
Sì perché la bimba non amava per niente sentirsi costretta da una coperta o lenzuolo rimboccato stretto e quindi abbiamo optato per la soluzione meno semplice, ma che faceva proprio al caso suo (quando dico "personalizzato" intendo proprio questo!!): una cerniera fissata su un lato e sul fondo, che permettesse l'apertura totale del sacco senza però che le 2 parti si dividessero. Questo permetteva anche l'utilizzo eventuale come copertina o, ripiegando sotto il lato più piccolo, di usarlo solo come materassino.
All'interno ho messo uno strato spesso di imbottitura da piumone e come per i cuscini ho fissato tutto con la trapuntatura a maxi stelle, senza esagerare per non rischiare di rendere meno liscia la base di appoggio:
 

Non so nemmeno descrivere quanto ho sudato su questo lavoro, quante ipotesi abbiamo fatto prima di arrivare alla versione definitiva e che fatica mettere lo sbieco alla fine su uno strato così spesso!
A completare il corredino nanna ho cucito e ricamato con il nome (stavolta non applicato, ma tutto di filo) su 2 lavette, che Mia è abituata ad usare come coccola per addormentarsi.


Che dire, la sfida è stata stuzzicante, impegnativa e mi ha messa a dura prova, ma alla fine ne sono uscita vittoriosa e gasata più che mai! Anche Mia e la sua mamma ne sono state entusiaste, tanto che dopo qualche mese è partita da loro una nuova richiesta per la versione estiva, ma di questo scriverò più avanti!

Nessun commento:

Posta un commento